Il sogno, Henry Rousseau, Tutti i diritti riservati

 

SOGNO: VISIONI ARTISTICHE

 

Il *sogno, Henry Rousseau: Olio su tela, realizzato interamente a mano, con dimensioni approssimative di 115m x 75m. Cosa rappresenti il dipinto lo spiegò lo stesso pittore in una lettera al critico Andrè Dupont: «La donna addormentata sul ‘canapè’ sogna di essere trasportata nella foresta, ascoltando il suono dello strumento dell’incantatore. Molte sono state le interpretazioni in chiave psicanalitica di quest’opera, come quella che vede nella donna nuda, come nella ‘Zingara addormentata’ e nell’amazzone della ‘Guerra’, la volontà di Rousseau di rappresentare la sua parte femminile, ferina e angelica al tempo stesso.»  

A cielo aperto, Luca Dall’Olio: «Il vero volo dell’uomo qual è? Volare ad occhi aperti. La ragione spinge la fantasia. L’inconscio è spinto dal sogno. La vita è un sogno che continua sempre, fa parte di un mondo che ospita ad una serenità irreale. Cieli e mari che si incontrano in un’atmosfera idilliaca, luoghi e momenti da vivere.» –  continua a fantasticare


SOGNO SAGGEZZA POPOLARE

 

Il fabbricante di sogni, Modena City Rambles: E giro col mio violino per le piazze e per le strade, la gente intorno balla e trova il tempo per sognare… –   continua a fabbricare sogni

In occasione del Concorso letterario
«UN SOGNO DENTRO AL SOGNO»

 

NOTA: State ascoltando i MaldiLuna, in Bianconiglio.
L’Adepta Angelikaramella ringrazia Il Conte Fables di Lot, alias (voce e chitarra band), per la gentilissima concessione. §^,*§
In copertina: Henry Rousseau, Il sogno
[*] sógno s. m. [lat. sŏmnium, der. di somnus «sonno»]. – 1. a. In senso ampio, ogni attività mentale, anche frammentaria, che si svolge durante il sonno; in senso più ristretto, e più com., l’attività (che si verifica generalmente nelle fasi di sonno REM) più o meno nitida e dettagliata, con una struttura narrativa più o meno coerente, con sensazioni prevalentemente visive e con eventuale partecipazione emotiva da parte del dormiente. Con questo sign., si adopera prevalentemente al sing.: vedere qualcosa o qualcuno in s.; alla giovane una notte dormendo parve in s. vedere sé essere nel suo giardino (Boccaccio); fare qualche cosa, andare in un luogo in s.; apparire, manifestarsi in s.; ne ho un vago ricordo, come di cosa veduta (o di fatto vissuto) in sogno. Molto com. l’espressione fam. nemmeno (o neppure, neanche, nemmanco) per sogno, per negare enfaticamente. [Treccani]
© Tutti i diritti riservati

A proposito di:Lóu {2 idee 1 goccia d'enfasi}

{...} sarà inquietudine estetica, vorace istinto del nuovo per il nuovo in omaggio a un che di antico. E la forma? Mettiamo che sia la stanza a tenere tutto insieme. Intensità della vita in contrasto con l’immobilità. Prospettive. Le Nove Porte {...} é la luce ad arredare le stanze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *