La piazza brulica perchè è domenica e i tavolini del caffè hanno invaso il marciapiede, come una marea fino all’orlo. Nella piazza girano le automobili, il giorno è tiepido: voglia di gioia riempie l’aria di un polline d’argento, gli stridi delle rondini calano tra la gente a eccitarla dal cielo, che è un fascio di rosa.

Il tempo scivola fra i tavolini come un bambino che non ha voglia di andare a letto. Ma già l’aria dolce, cominciando a oscurare, si fa morbida e perfida, le rondini ora sono fuggite oltre i confini del mondo. Sulla piazza vigila dal cornicione del palazzo un grande orologio da torre.

{Altri luoghi d’oriente possono avere le mille e una, Lei ha la notte, ha i miraggi, la felicità immaginaria che innamora perdutamente. Gli oggetti, le persone, il cielo, un albero, tutto è incessante delicatezza, come le sfumature all’infinito smorzate dal colore, un colore sempre nuovo. I grigi di Parigi. I valori dei grigi. Non malinconici, mai; è come il risveglio perenne e l’innamorarsi da un’angoscia dolcissima.}

L’aroma musicale: Nouvelle Vague {Fade to grey} \ Fotografia, Tutti i diritti riservati © Simon Gerzina
A proposito di:Lóu { 2 idee 1 goccia d'enfasi }

sarà inquietudine estetica, vorace istinto del nuovo per il nuovo in omaggio a un che di antico. E la forma? Mettiamo che sia la stanza a tenere tutto insieme. Intensità della vita in contrasto con l’immobilità. Prospettive. Le Nove Porte {...} é la luce ad arredare le stanze

2 commenti in “Rose C’est Paris{…}” {en passant}

  1. Ti prego di darmi ali

    Ti prego di darmi ali di colomba,

    ora che finalmente pare
    placarsi l’uragano.

    E l’attesa sia appena
    una sosta a questo
    vagabondare:

    insieme godiamo al riparo
    dal folle vento.

    David Maria Turoldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *