[1] «Noi sappiamo che dietro l’immagine rivelata ce n’è un’altra più fedele alla realtà, e, sotto quest’altra, un’altra ancora, e di nuovo un’altra sotto quest’ultima, fino alla vera immagine di questa realtà, assoluta, misteriosa, che nessuno vedrà mai, o forse fino alla scomposizione di qualsiasi immagine, di qualsiasi realtà.»


[2] Visione del silenzio
Angolo vuoto
Pagina senza parole
Una lettera scritta sopra un viso
Di pietra e vapore
Amore
Inutile finestra

 

FOTOGRAFIE Nient’altro che di {Lóu, 2 idee 1 goccia d’enfasi, Le Nove Porte}
[1] Michelangelo Antonioni, rif. ‘Le icone fluttuanti, Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia’, di Angela Madesani, Ed. Mondadori Bruno, 2005
[2] NOTE DI: Caetano Veloso, in Michelangelo Antonioni, per Eros, 2004 [Il filo pericoloso delle cose – Michelangelo Antonioni, Equilibrium- Steven Soderbergh, La mano – Wong Kar-Wai]
© Tutti i diritti riservati

 

A proposito di:Lóu { 2 idee 1 goccia d'enfasi }

sarà inquietudine estetica, vorace istinto del nuovo per il nuovo in omaggio a un che di antico. E la forma? Mettiamo che sia la stanza a tenere tutto insieme. Intensità della vita in contrasto con l’immobilità. Prospettive. Le Nove Porte {...} é la luce ad arredare le stanze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *