…non il vino ma l’ubriachezza
l’amore quando diventa assenza

[1] Non la realtà ma un mondo che pullula di storie non il costume ma ‘memorie ritoccate’ non l’economia dei gesti il teatro dei ruoli lo scambio il vantaggio le ‘velléité’ ma una traccia continua.. “Non il tempo  ma i dettagli del vivere”:…le giornate infinite, il ciclo confuso di sonni e di veglie, le sfumature misteriose, le vie di fuga, quell’attimo prima, quell’attimo dopo, un movimento naturale, un campo di camomille, tu e lui in quei ‘duecentimetriquadri’ di marciapiede, la valigia di cuoio aperta sul pavimento, un motivetto che fa ‘dudududu’, una nota solitariache si dilata si estende, l’allegria stremata, il cigolio di una porta, quella sorta di sollievo,  il cuscino umido, il grigio perla, i colori lavati dalla pioggia, le dita affusolate ed eleganti con le unghie rosse lucide,  le figure nelle nuvole, il calore odoroso di talco, le cartoline ricordo di viaggi lontani, quel desiderio affannoso violento più della volontà dell’istinto, la forma degli orologi, l’estendersi della città,  la tartaruga distesa sul ventre del mio uomo, i cespugli arruffati, i baffi, il frammento di uno specchio, un’espressione di meraviglia, un padellino di rame attaccato al muro, le virgole così non si va mai a capo, i vattelappesca, i frufru cofcof, i mormorii, i tappeti antichi sottili un pò sporchi, i vassoi di bambù laccati di rosso, quell’eccessiva nobiltà del naso, l’odore della notte, la striscia bianca del ventre piatto, il tatuaggio che si arrampica, l’acqua che scorre dentro la vasca, occhi color smeraldo e raffinate volute di capelli come ali di corvo,  il buco della serratura, le carte da lettere, il bagliore di una candela indiana, una cinciallegra sul filo della luce, l’aria quando profuma di mimosa, il vento che gonfia una sottoveste appesa sul balcone, un’ombra incorniciata dalla luce, il profumo di lui diverso che stride con gli altri languido e caldo salato, il modo in cui ti bagni le labbra, le molle del letto che cantanosotto il peso dei corpi, le curve del piacere, l’alito tiepido

versarsi ancora da bere, il Bolero di Ravel
baciare le parole l’altra guancia di questo diario
your charm your way of seducing you

[2]La rivoluzione è destinata a fallire. La ribellione può essere infinita.

La radio trasmette questa canzone
Cat power version

[3]“…nel profondo del mio cuore so che non posso fuggire
Oh, Mama, può essere veramente la fine
essere di nuovo bloccato a Mobile col blues di Memphis…


[1] [2] Frasi ed espressioni -in corsivo-tratte da : La festa è finita, Lidia Ravera
[3] Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again – Cat Power, 2007
[In copertina: Photography © Ellen Von Unwerth, Rose Mcgowan, da Fräulein]
℗ Tutti i diritti riservati]
A proposito di:Lóu { 2 idee 1 goccia d'enfasi }

sarà inquietudine estetica, vorace istinto del nuovo per il nuovo in omaggio a un che di antico. E la forma? Mettiamo che sia la stanza a tenere tutto insieme. Intensità della vita in contrasto con l’immobilità. Prospettive. Le Nove Porte {...} é la luce ad arredare le stanze

8 commenti in “Senza confini” {en passant}

  1. ascolterò il tuo silenzio…..come il più spietato degli ossimori.

    ” La mia sofferenza mi è nuova, come certi affanni che nascono dalla stravaganza dei sogni”..sorrido inclinandomi verso la seduzione….verso te.

    andrea sperelli

    p.s. è inutile che sgoogoli…..questa frase non la troverai mai.

  2. Non solo il tuo ultimo commento ma anche il titolo del mio post ha un che di muscale ;). Quanto a Hölderlin, non conoscevo quella sua poesia, tra l’altro molto bella. Ma sono sempre un pò di parte quando si parla di cultura teutonica.

  3. Grazie del commento ^_^ non passo spesso dunque me ne sono accorta solo adesso XD Si sul fatto che lui ama in modo differente dal mio non ho dubbi…Solo che quando io allento la presa lui entra in paranoia e mi chiede cosa c’è di continuo,e mi dispiace…Non sono molto brava ad usare vie di mezzo,o sono stradolce o sono gelida dunque non so mai che fare…sti uomini..

  4. Ciao dolcissima Karamellina,^_^

    mi manca mordere le tue dolci e zuccherose curve ^_^attenta che qualche notte verrò a trovarti, guarda sempre la luna tu^_^ e d’improvviso io apparirò davanti a te dolcissima Karamellina^_^

    un bacio e tantissimi morsi o dolcissima Angelika a presto e quando sarà mi farò perdonare tutto questo tempo in cui non ci siamo sentiti…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *